David Bowie, Blackstar

A Brixton, South London l’8 gennaio 1947, nasce David Robert Jones, alias David Bowie.

Ziggy Stardust atterra sul pianeta per consegnare all’umanità alcuni dei più rivoluzionari momenti musicali e di costume del secolo scorso. Prima di lasciarci, di tornare tra le stelle produce un’ultima magia, il vero capolavoro del secondo decennio duemila, Blackstar.
8 gennaio 2016, coincidenze, ricostruzioni mettono in correlazione l’uscita del venticinquesimo album in studio del Duca Bianco, il suo sessantanovesimo compleanno e la morte dietro l’angolo, un’uscita di scena teatrale in linea con il personaggio. Tutte queste vibrazioni, causali o pianificate fanno di Blackstar il testamento musicale, spirituale dell’uomo prima del sensibile e visionario artista. Iconico, elegante, avvolto dall’oscurità come il suo autore, Blackstar si sviluppa nel suo abito sperimentale, sofferente che nasce con l’ausilio di Tony Visconti e diversi musicisti newyorkesi. Lazarus, la title-track, I Can’t Give Everything Away struggenti singoli dell’ultima messinscena di Bowie.

di Gianluca Crugnola

https://link.tospotify.com/odWK2xIszbb

https://www.facebook.com/suonitribali/

https://www.facebook.com/gianlucalive

Categorie Uncategorized

Un pensiero riguardo “David Bowie, Blackstar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close