The Singles

The Future Is Unwritten

suoni tribali

Mi prendo un momento, uno sguardo alla copertina, una carezza prima di posarlo sul piatto, il respiro profondo rotto dal fruscio della puntina nel primo solco, White Riot , sbam!!! Che sventola. Non era il disco che pensavo di aver preso ma il colpo di fulmine è di quelli che ti stritolano le budella e non dimentichi più. La prima traccia di The Singles dei The Clash mi catapulta nel mondo reale ancora tabù per un adolescente, contestazione, violenza, magnificenza e punk rock militante, tutte argomentazioni gravose per un’appena quindicenne, i suoni, le liriche di questa raccolta arrivano alla pancia e ti segnano l’anima come solo il blues del delta aveva saputo fare negli anni della segregazione razziale negli USA. L’operazione musica emancipata e consapevole inizia con questa collection di singoli pubblicati dalla band londinese e mostra un mondo assai diverso da quello immaginato e percepito prima di allora. Ripensando…

View original post 490 altre parole

Categorie Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close