Sopportare Il Peso Dell’Inquietudine

di Salvo Alfieri
Una cruda reazione di smarrimento e alienazione, uno dei temi affrontati dai
Dancemalora, band catanese formatasi nel 2015 e nata dalle ceneri degli
Arkham Asylum e da altri musicisti; il cantante e chitarrista Alberto
Finocchiaro, il batterista Marco Galati, il bassista Daniele Lo Re e il tastierista
Ence Fedele. A volte ai testi collabora anche Orazio Condorelli, purtroppo
non molto attivo nel gruppo per i suoi impegni col teatro ed iniziative culturali
nel territorio.
I Dancemalora sono i migliori, se non gli unici nella scena underground, ad
esplorare le sonorità dell’alternative rock, dello sperimentale, del grunge più
nudo e del noise. Danno vita al loro concetto di “rock puro”, grezzo, scarno,
viscerale ma allo stesso tempo caldo e avvolgente come un abbraccio,il
“Rock Concettuale”. Cercano di scavalcarne i confini, cosa che io
personalmente adoro, per andare alla ricerca di nuovi linguaggi.
44945957_2119052848409133_2523792808276393984_n
Nel 2016 hanno pubblicato il loro primo EP ma non basta parlarne o
ascoltarlo per conoscerli.
Per convincersi dell’importanza dei Dancemalora basta vederli live, prepararsi
all’uscita del prossimo EP (credetemi e’ una bomba) e seguirli.
Se il rock senza fronzoli del loro primo lavoro denota ancora margini di
crescita, con questo assistiamo ad un’ottima maturazione ben definitiva e
assemblata. Tra strofe malinconiche e grunge, aperture psichedeliche e ballate sublimi di
stampo retrò, non hanno tralasciato nessuna delle loro influenze.
Il nuovo EP si chiamerà Ritagli contiene 4 tracce inedite ed uscirà nella prossima estate.
Berlino è già un chiaro segno di maturazione: affidare l’apertura del secondo
EP ad un basso con un attacco melodico alla Pixies, per un gruppo che
sembrava solo spingere sull’acceleratore, pare una netta dichiarazione d’interessi.E se Blu e Accanto a te rivelano ancora legami col passato, Berlino e Solo Tu mettono in luce una nuova tendenza a divagare tra post-rock e noise. Berlino, primo singolo: chitarre piene di echi alla Motorpsycho o alla Shipping News, riff di basso predominante e nessun ritornello killer; a farsi strada ed emergere sono semmai le tastiere, che impreziosiscono e compattano il suono della band. Stupisce Solo Tu, brano affogato fra synth, delay e feedback. E’ senza dubbio il vertice artistico ed emotivo del disco, con un riff che cita –oltre il già citato trio norvegese – i Massimo Volume. Nessun punto a sfavore del disco, ottima sia la produzione che qualità, dalle chitarre alle batteria, dalle tastiere alla voce. Bei dinamismi e strutture imprevedibili, altro che solite canzoncine pop. Questo EP e’ un calcio ben assestato al prodotto musicale effimero odierno che ci propongono, alla faccia di chi dice che gli anni 90 sono finiti.

60361847_2247087925605624_1480690267353776128_n

Salvo Alfieri intervista Alberto Finocchiaro
-Ciao Albi, ti chiedo subito come ti è venuto in mente di dar vita
ad una band con un genere musicale così “datato”?
-Siamo cresciuti a pane e rock. Non è stata una scelta presa a tavolino.
Ognuno di noi aveva già esperienze musicali con altre band della scena
rock catanese. Un bel giorno abbiamo deciso di incontrarci per provare a
vedere dove saremmo finiti ed ecco il risultato. Potremmo invece dire che
piuttosto di aver scelto un “genere datato”, abbiamo scelto un percorso
tutto nostro…siamo aperti alle sperimentazioni e chissà che fra qualche
anno non finiamo a suonare trance, rap o perché no, trap (ride).

-Cosa ne pensi della musica di oggi? In generale di tutti i
cambiamenti ed evoluzioni, belle o brutte, che ha preso?
-Davvero, nessuno di noi ha pregiudizi sulle evoluzioni che ha preso la
musica “pop” intesa nel suo più ampio significato. Anche se, pensando
alla cosiddetta “scena odierna”, mi sale una spiacevole sensazione di
chiusura. Ho l’impressione che la tendenza alla categorizzazione abbia
creato mondi musicali e gruppi di fans chiusi e poco aperti alla
sperimentazione. Ed e’un vero peccato! Ad esempio qui, a Catania, se non
fai parte di questo o quel circolo sei tagliato fuori. Bisognerebbe
collaborare tutti insieme per mantenere viva e attiva la Voglia di fare
Musica, che sia rock, jazz o trap…non so se è davvero il pubblico a volere
questa separazione.
-Quindi affermi che c’è “difficoltà” a fare musica oggi?
-Dico che chi fa musica, oggi incontra due tipi di problemi, secondo me: il
primo è legato al fatto che c’è la tendenza a fare qualcosa che piaccia al
pubblico più che a stessi; e il secondo è legato al fatto che gli spazi e le
occasioni per suonare musica inedita sono davvero ridotti e questo spinge
chi li gestisce a non dare opportunità alle realtà musicali che non siano
già affermate e non seguano la moda musicale.
-Un artista italiano con cui sei in fissa ultimamente?
Proprio in questo periodo, nella mia macchina girano a ruota Die di
Iosonouncane ed Endkadenz vol.1 . Mi ha impressionato la loro
modernità. Dell’album dei Verdena preferisco Derek, una bomba di brano,
magnifico, dell’abum DIE, Tanca, un’odissea elettronica che ti sommerge
e spinge verso il fondo senza respiro. Immagina quando ho scoperto lo split album che hanno fatto uscire…sono corso a comprare il vinile e adesso lo tengo come un gioiello in cassaforte (ride).

-Tornando a voi, parlavi di sperimentazione prima. In futuro ci
sarà maggior innovazione nel vostro sound o siete arrivati a ciò a
cui puntavate?
-Quando in sala ci troviamo io ed Ence da soli, spesso ci ritroviamo a
suonare elettronica spinta e giocare con i computer. Diciamo che siamo
l’anima più elettronica della band, mentre Marco e Daniele amano i suoni
più elettrici, quelli più duri alla Black Sabbath. Infatti i nostri primi lavori
nascono dal suono elettrico mentre col tempo abbiamo cercato di
evolverci in una direzione più ampia che includesse synth ed elettronica. Il
nostro prossimo lavoro in uscita è forse un momento di passaggio verso
questa commistione di generi. Vedremo se è vero. Amiamo sperimentare.
-Dalle canzoni si sente che ce tanto lavoro anche suoi tuoi testi,
che tematiche tratti?
-Nemmeno se lo volessi potrei riuscire a scrivere su ciò che non mi
appartiene. Cerco sempre di far nascere i testi dall’analisi di una mia
condizione che sia presente o passata, che sia direttamente o
indirettamente collegata alla mia vita. Non sono molto bravo a raccontare
storie, e di questo me ne dispiaccio, ma al contrario mi riesce più naturale
tratteggiare con le parole, anche poche, emozioni o stati d’animo specifici.
Mi piace giocare con le parole piuttosto che con le storie. Non ho mai
pensato di poter scrivere in un’altra lingua che non sia la mia perché non
sarei in grado di usarne le sfumature.
-Ci saranno novità per l’uscita dell’EP?
-Stiamo lavorando al videoclip di “Berlino” che dovrebbe uscire a giugno
per la regia di Ence, che nella sua vita reale si occupa di video e
televisione.
Ne siamo davvero orgogliosi. Vorremmo che il risultato sia
convincente e che riesca a valorizzare al massimo il brano, per questo
motivo stiamo spendendo un bel po’ di energie nella fase di scrittura della
sceneggiatura e nella scelta degli attori. Speriamo bene!

-Ultima domanda, come mai avete scelto “Berlino” come singolo?
È il brano a cui siete più legati?
-Questa domanda non è molto semplice, è come chiedere ad un padre
quale sia il figlio che preferisce …magari lo sa, ma non te lo dice per non
ferire l’altro. Comunque, ognuno di noi ha un suo brano preferito ma ci
ritroviamo tutti nel ritenere “Berlino” quello più digeribile e per questo
più spendibile sul mercato. Ci sono le parole di Orazio( autore di Berlino)
che fanno la differenza e la parte musicale ha avuto una bella evoluzione
nel tempo. Il brano è nato con un impianto pop, sia nella linea vocale che
nell’arrangiamento, ma, con il tempo, la nostra natura noise ha voluto la
sua parte, facendolo evolvere verso un finale esplosivo e doloroso in cui
mi ritrovo tantissimo ad urlare(ride). Ricordo che, le prime volte in cui
scoprimmo questa apertura, quasi svenivo dall’intensità con la quale
interpretavo il cantato. Adesso il brano è stato metabolizzato, ma non
dimentichiamo il lavoro che ci ha richiesto .
Contatti e Socials
-Dancemalora:
Email/ alberto_finocchiaro@yahoo.it
Salvo Alfieri
Email/ salvoalfieri5@gmail.com
Categorie Uncategorized

Un pensiero riguardo “Sopportare Il Peso Dell’Inquietudine

  1. niente è mai datato quando si suonano l’anima perché lì emozione vera si sente subito

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close