Delicate Sound Of Thunder

 

Ci sono artisti, dischi o semplicemente canzoni che subiscono la storia, il suo corso e l’ inevitabile susseguirsi degli eventi, allo stesso tempo c’è chi con i propri lavori, le proprie liriche riesce a riprenderla, trasfigurarla, renderla più piacevole o più cruda, meno scontata, alterando atmosfere e sentimenti di chi vive questi tempi, di chi cerca una fuga nella musica, nell’arte in generale.. Tra i musicisti dotati di questi super poteri sicuramente i Pink Floyd, precursori di generi, capaci di anticipare le evoluzioni storiche, le rivoluzioni, in grado di sostituire con imponenti opere rock innumerevoli trattati filosofici….                                                                                                                                  Una carriera complessa, vissuta sulle montagne russe tra lanci epocali e disastri annunciati, ricoveri, licenziamenti, alienazioni, reunion celebrate e poi mancate, stravaganze, la band inglese segna come pochi la cultura di un secolo, i riti di generazioni, un monumentale collettivo artistico capace di superare usi, costumi e allunaggi dando la sensazione di potere ogni cosa, musica psichedelica, progressive rock, sperimentazioni allucinogene, tutto questo e molto altro ancora nel fantastico mondo della band londinese guidata da Syd Barrett prima, Roger Waters poi e David Gilmour nella terza era…                                                                                                                  Mi avvicino con cautela al genio visionario espresso dai Pink Floyd, troppo giovane( ancora minorenne) e distratto per capire quelle sonorità irrazionali al primo ascolto, per leggere tali capolavori con leggerezza, scopro i loro dischi in vari periodi,  appassionandomi all’idea di concept-album.                                                                                 The Wall contenendo le maggiori hit della band rapisce inizialmente il mio interesse, seguito da Wish You Were Here che delizia il mio palato e mi conduce a ritroso verso l’assoluto The Dark Side Of The Moon, il disco di più recente produzione al momento del mio battesimo Pink Floyd è A Momentary Lapse Of Reason, il primo lavoro post-Waters, il pianeta progressive mi ingolosisce sempre di più e lascio momentaneamente le melodie classiche per tuffarmi nelle prime opere della band, i momenti psichedelici, space rock targato Syd Barrett, l’evoluzione successiva all’ingresso nel gruppo di Gilmour, Ummagumma, viaggi ultraterreni più che semplici ascolti, un refresh di tutto il loro catalogo che passa anche attraverso i live, riti mistici poggiati su imponenti coreografie illuminate da light show di laser e giochi pirotecnici, giganteschi animali di cartapesta e altre follie sceniche, sopratutto una qualità del suono incredibile, vicina alle registrazioni in studio, questo è il risultato che percepisco ascoltando Delicate Sound Of Thunder, secondo LP live dei Pink Floyd, registrato durante il tour di supporto all’ultima fatica, acquisto prima la versione su musicassetta e di seguito il CD (doppio)che rende più nitida la stupefacente produzione, sul disco 1 viene registrata buona parte della musica con Gilmour al comando mentre il lato B si presenta come una sorta di best of che offre all’ascoltatore il meglio del loro repertorio storico, magia pura, la ricerca della conoscenza mi spinge sempre più in profondità, il disco è in rotazione e la passione cresce costantemente, mi ritrovo immerso tra suoni delicati e atmosfere psicotiche, robuste sterzate, potenti come tuoni che sprigionano energia e coinvolgono al punto da sentirsi partecipi del concerto, cosi’ dalla prima all’ultima traccia …                                        Personalmente scopro una nuova era dell’ascolto, mi apro a concetti e musiche che sembravano impossibili da comprendere, nuovi orizzonti per la mia giovane esistenza, Delicate Sound Of Thunder contiene tutta la loro grandezza compositiva e risulta il modo migliore per conoscerli ed apprezzarli …..

2018-09-12 22.29.28

Delicate Sound Of Thunder esce nei negozi nell’autunno 1988 per la EMI in Europa e la Columbia nel resto del globo, il doppio è distribuito inizialmente in analogico come LP e MC successivamente in formato digitale su CD e le registrazioni del live appartengono alla serie di concerti tenuti dai Pink Floyd a Long Island (NY) durante il tour che segue l’uscita di A Momentary Lapse Of Reason (1987), le tracce prescelte sono 15 e percorrono l’epopea della band mettendo a confronto i diversi periodi e le mutevoli direzioni artistiche.. Un’affresco lucido e veritiero capace di farci conoscere nell’intimo una leggenda che continua a far sognare e…viaggiare                        

2018-09-12 22.31.13

Annunci
Categorie Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close